Alla scoperta del VIRUS, chiamato SPORT, che dovrebbe contagiare tutti.

Ecco lo scenario se tutti fossimo contagiati dalla voglia di fare sport.

Immaginiamo un virus in cui l’uomo  è il suo ospite. Cosa può succedere? Una pandemia pericolosa che potrebbe creare dei disastri in tutto il mondo. Fino a qualche mese fa poteva essere fantascienza, oggi invece possiamo dire che è tutto reale. Un po’ come il film ”Ritorno al futuro” rivisto dopo anni. Ora pensiamo ad un  virus che invece di provocarci una malattia stimolerebbe il corpo a fare attività fisica, esercizio fisico, sport ma più in generale movimento. E pensiamo che questo virus non si fermerebbe finché tutti non ne saremmo contagiati.

Fiumi di persone che iniziano a camminare e a non usare più la macchina per piccoli spostamenti. Persone felici  che non si lamentano più dei dolori dovuti al poco movimento e i problemi legati al mal di schiena, alla glicemia alta, alla pressione alta non esistono quasi più.

Troveremo cerotti e pastiglie  ricoperti  di polvere  negli scaffali delle farmacieCentri sportivi , associazioni sportive, palestre piene di persone che hanno voglia di stare bene e  ospedali quasi  vuoti, con i pronto soccorso non intasati.

Bambini che crescono giocando e imparano così a vivere. Aziende molto più produttive perché hanno persone efficienti, mentalmente e fisicamente. Sogno? Si perché immagino un mondo dove il movimento è un diritto al pari di tanti altri.

Invece abbiamo un mondo dove una piccola quantità di persone ha capito l’importanza del movimento, quello giusto, quello fatto bene e che lotta ogni giorno con chi, lo sport e in più in generale il movimento,  cerca di denigrare mettendolo alla stregua di un passatempo e niente più o lo usa solo per interessi personali.

Allora sperare che un giorno il movimento sia parte integrante della  vita di tutti, dall’ anziano al bambino, sarebbe un passo in avanti per un mondo migliore.